lunedì 4 febbraio 2008

LA MENNULARA

Nelle vacanze di Natale ho trascorso dei giorni a Lecce, la città in cui sono nata e cresciuta.
E' un posto che amo molto, pieno di ricordi sì ,ma anche ricco di angoli ancora da scoprire.
E' una città che trovo cambiata ogni volta che ci ritorno.
Ma accanto al nuovo, dicevo, rimangono i posti di sempre ed uno di questi è una libreria in centro: La Liberrima.
E' un luogo a me molto caro: ero lì alla sua apertura, all'inaugurazione, ho partecipato alle prime iniziative, si può dire che l'ho vista crescere...
Da quando vivo a Bologna frequento essenzialmente La Feltrinelli, ad eccezione di alcune piccole botteghe di libri usati in cui si trovano davvero delle chicche a pochissimo prezzo!
Ma quando torno a Lecce un giro a La Liberrima non me lo toglie nessuno.
Ed è proprio nell'ultimo giro fatto che mi sono imbattuta in questo libro.



E' da un po' che faccio un gioco nel comprare nuovi testi: mi lascio catturare dalla copertina, dal titolo, dai colori...ora è toccato a La Mennulara.

Qui mi ha colpito anche la dedica...alla British airways.

Così me lo sono portato a casa e l'ho letto in pochissimo tempo.

E' una narrazione corale, direi, i personaggi di un piccolo paese siciliano parlano di una strana donna, la Mennulara appunto, e della sua morte.

Prendono il via ricordi, vengono alla luce segreti e assume sempre più forma il profilo di questa "criata"che vive nelle pagine del libro solo grazie alle parole di chi la conosceva, di chi le aveva voluto bene o l'aveva odiata.

La lettura è scorrevole, le descrizioni brevi ed efficaci.

E poi l'ha scritto una donna, una donna italiana.

Insomma...è da provare!

Buona lettura!

3 commenti:

cuochetta ha detto...

che bello anche le recensioni!

io mi sto comprando di corsa questo... mi hanno detto che è bellissimo..
http://www.anobii.com/books/Una_madre_lo_sa/9788804560500/01a912853a0c6f3359/

un bacio Anna

dani ha detto...

Io ho appena finito..
"1984" di George Orwell. Un bel libro non c'è che dire..
Una persona qui a Budapest che mi aveva detto che questo libro gli aveva cambiato la vita, addirittura! Allora sono diventato curioso. Non è facile trovare libri in italiano a Budapest ..ma ci sono, visto che la mia Juli me lo ha regalato per Natale.

Cookie ha detto...

Letto anche questo!! Adesso ti sembrerò una lettrice accanita e purtroppo devo dire di no, ormai non riesco più a coltivare questo interesse....