martedì 6 maggio 2008

LECCE BY NIGHT


Stasera avevo voglia di fare foto.
Ho cercato dei vicoletti poco noti, ma poi mi sono imbattuta nella "solita" facciata di Santa Croce.
Dico solita, perchè chi è di Lecce se la ritrova sempre davanti, imponente, ricamatissima, bella.
Io l'ho avuta come sfondo anche il giorno del mio matrimonio.
Una delle più belle creazioni del barocco.
Per ovviare a questa foto un po' troppo turistica, vi propongo un balcone...
A Giulietta sarebbe piaciuto forse di più...non me ne vogliano i veronesi.


Ma stasera avevo anche voglia di puccia.
Di cosa si tratta?
Eccola qui....




Una sorta di pane arabo in cui ci puoi mettere tutto quello che vuoi.
Davvero da provare!

9 commenti:

Kagahn ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
cherrylips ha detto...

mmmmm...mi sembra di assaporare la atmosfera delle strade e soprattutto il gusto della puccia...MADO!!!
V.

valè ha detto...

Proprio scatenata, eh... IATA!!! E so che deve ancora arrivare quel che fa più male... Il mare e il rustico sono tuttora vaganti... sento che soffrirò!

Anonimo ha detto...

cara Serena, forse tu non sai che l'architetto di S. Croce è un nostro lontano antenato, il quale, invece di firmarsi col nome, ha scolpito il suo profilo sul rosone!
Davide e Matteo

Anonimo ha detto...

tutto il mondo sappia che il salento, prima ancora di essere un posto geografico, è un LUOGO DELL'ANIMA!!!
Davide e Matteo

unika ha detto...

questa puccia è molto molto interessante..:-) molto belle le foto di lecce....un bacio
Annamaria

campo di fragole ha detto...

Ciao Serena e piacere di conoscerti! Grazie per essere passata da me :)
Questa puccia mi sembra buonissima, e' vero ricorda molto il pane arabo...anche la maniera di farcirlo, con tutte le cosine gia' pronte, affettate e preparate.
A Lecce ci sono stata molti anni fa di passaggio, per lavoro al Tribunale... di notte mi ricordo che andai in un ristorantino del centro:buoniiiissssimoooo. Mamma mia! Poi ricordo anche le molte spiagge rocciose, stupende che ho visto lungo il tragitto. Spero di venire presto a farmi una bella vacanza dalle tue parti!
Besos,
Daniela

Anonimo ha detto...

...non credo di riuscire a reggere quello che stai per fare. Nemmeno 1000 slow food mi darebbero la forza. Almeno non esagerare con i dettagli, tipo panatura, croccantezza, doratura... La fetta leccese dei tuoi blog-supporter non ce la può fare, fidati e metti via quelle foto! :p

c.s.

manu ha detto...

si anche nella mia città c'è la pucceria! confermo è buonissima!
a presto complimenti per il blog!